Storia delle Alpi

Dall’orogenesi alpina a internet. Dalle Marittime alle Giulie. Dai primi esploratori ai moderni alpinisti. Dalle prime baite alle seconde case. Dai cavalli ai Tir. Le più belle montagne del mondo raccontate.

 

Il libro oggetto di questa recensione si intitola “Storia delle Alpi” è scritto da Enrico Camanni ed è stato pubblicato dalla Edizioni Biblioteca dell’Immagine nel 2017 (340 pagine, costo 12,00 €). Storia delle Alpi è un libro che racconta la storia di tutto l’arco alpino, soprattutto da un punto di vista storico, geografico, sociale ed economico. Il racconto propone una visione delle Alpi non come una barriera da attraversare ma come un territorio che unisce.

L’introduzione “In volo sulle Alpi” ci porta da Torino a Monaco di Baviera, descrivendo attraverso un volo virtuale la geografia e i paesaggi che mano a mano si sorvolano.

La prima parte “Il racconto delle Alpi. Una storia di milioni di anni” racconta come sono nate le Alpi e come sono state modellate nel corso dei secoli. In questo capitolo la penetrazione umana è descritta attraverso un percorso che parte dall’uomo preistorico e arriva ai nuovi montanari.

La seconda parte “Il regno della diversità. Viaggio attraverso le Alpi italiane” pone l’accento sulla diversità storico-geografica delle diverse vallate alpine.

La terza parte “Tradizioni e mutazioni. Dalle minoranze alle maggioranze alpine” ci racconta il mosaico di genti, di lingue e di culture che si insediano e si sviluppano in modi e tempi diversi.

La quarta parte “Dai colli alle cime. La scoperta dell’alta quota” è dedicata alle ascensioni e all’alpinismo, ai territori di confine e alle opere realizzare per collegare valli, nazioni, popoli.

La quinta ed ultima parte “Modernità, euforia e crisi. Le Alpi dopo la Grande Guerra” ci racconta le vicissitudini di un territorio alle prese con le guerre e con le crisi degli ultimi decenni.

Il racconto termina con alcune conclusioni su “Il futuro delle Alpi“, dai nuovi abitanti che salgono dalla città per scelta alle tante politiche protezionistiche, purtroppo  più sbandierate che applicate.

l’uscita del libro non è recente ma le argomentazioni trattate lo rendono comunque attuale. Il testo è scorrevole e di piacevole lettura. Molto belli i molti disegni in bianco e nero presenti, che danno un tocco ancor più storico al contenuto. Ricchissima la bilbiografia presente che, con le sue 9 pagine, può soddisfare le esigenze di chi fa di questo libro uno strumento di analisi storica per scopi di studio e di ricerca. La Storia delle Alpi è proprio un bel libro.

 

< – >

 

Enrico Camanni è uno srittore, un giornalista e un alpinista. Nasce a Torino nel 1957, prende la maturità scientifica al liceo Gobetti di Torino e frequenta il corso di indirizzo storico alla facoltà di Scienze Politiche.

L’alpinismo lo coinvolge sin da giovane, scala molto su tutte le Alpi aprendo una decina di vie nuove e ripetendo circa ottocento itinerari di roccia e ghiaccio. Attraverso la passione per l’alpinismo approda al giornalismo di montagna. Dal 1977 al 1984 è redattore della Rivista della Montagna. Nel 1985 fonda il mensile Alp che dirige per tredici anni. Dal 1999 collabora con il quotidiano La Stampa e dal 2008 al 2011 ha diretto il mensile Piemonte Parchi della Regione Piemonte.

Enrico Camanni ha scritto migliaia di articoli, commenti, recensioni e saggi sulla storia dell’alpinismo, l’ambiente e le tematiche alpine, collaborando con numerosi giornali quotidiani e periodici. Qui la sua biografia completa con molte belle fotografie.

 


Immagine in evidenza tratta da https://montblanc.panomax.com/irpi, modificata.

 

About the author

Guido Nigrelli è un naturalista, un ricercatore al CNR-IRPI di Torino e un divulgatore scientifico. Come ricercatore studia le relazioni tra clima e processi morfodinamici in ambiente alpino. Come divulgatore scientifico gestisce questo blog e scrive di scienza, tecnologia e ambiente su alcune testate giornalistiche.

Lascia un commento